Andrea Segrè e la Fondazione FICO


Cos’è FICO
Come ha raccontato ai giornali Andrea Segrè, Presidente del Centro Agroalimentare di Bologna e Docente di Politica Agraria Internazionale e Comparata all’Università Alma Mater Studiorum, oggi anche Presidente della Fondazione Fico, il progetto Fico intende valorizzare in senso agroalimentare un bene pubblico già esistente, il luogo dove era collocato il mercato ortofrutticolo di Bologna. L’idea originaria era quella di creare una Cittadella del cibo e della sostenibilità.  
Bologna fu da subito individuata come città d’eccellenza per un progetto agroalimentare a motivo del suo legame inscindibile con la tradizione culinaria e per la sua fama di accoglienza che si perde nei tempi.
Il parco agroalimentare Fico esercita un ruolo didattico, non solo perché è vicinissimo alla facoltà di Agraria, ma perché combina insieme quattro Accademie (Bologna, Trento, Napoli e Pollenzo) ed attrae scientificamente per la biodiversità animale e vegetale, l’educazione alimentare e la ricostruzione della filiera del cibo (coltivazione e allevamento).
Non solo: il concetto di parco è legato ai valori di intrattenimento e leisure, con lezioni di cucina, coinvolgimento di tutti i sensi, degustazioni, giochi e giostre e possibilità di acquisto di prodotti tipici.
I valori del territorio e della tradizione
Il progetto Fico è assolutamente legato al suo territorio, Bologna: ne riepiloga il cibo della tradizione, attraverso degustazioni e corsi di cucina, ne ripropone lo spirito di accoglienza di comunità, ne coinvolge le persone che appartengono al suo territorio e trovano lì le loro radici.
La sostenibilità
Andrea Segrè e Fico sono a buon diritto coinvolti nel discorso sul tema della sostenibilità. Infatti, proprio questi valori sono i principi ispiratori di tutto il progetto e che il progetto a sua volta ogni giorno fa rivivere alle persone che accoglie in visita.
Il 24 maggio si terrà il Convegno YOUFM 2018 che affronterà i temi dello sviluppo economico sostenibile nel mondo delle imprese e nel quale approfondiremo l’argomento.

Condividi l’articolo

Lascia un commento

Cerca

Categorie

Seguici

Ultimi articoli