Educare alla Sostenibilità

Educare alla Sostenibilità  di Sara Cirone.

Lunedì 19 marzo, alle ore 10, nell’ambito della V Edizione del Festival della Letteratura Donne e res publica: dal diritto di voto ai diritti civili si è tenuto l’evento Le donne e il mondo del lavoro: ieri e oggi, presso l’Istituto ITIP Luigi Bucci a Faenza.

Il Festival della Letteratura, che si svolge con il patrocinio dell’Unione della Romagna Faentina e della Regione Emilia-Romagna, intende affrontare il tema dei linguaggi molteplici della comunicazione, partendo dal presupposto che dalla lettura possano emergere perfomance diversificate e altamente creative. Sono plurimi, quindi, i linguaggi che ci permettono di leggere un testo: dalla musica alla danza, alla recitazione, all’artigianato creativo, al disegno, al cinema, al canto…

Questa prospettiva sensibilizza al Goal 4 dell’Agenda sostenibile ONU 2030: “Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti”.


L’esperienza di tre donne manager
La Dott.ssa Sara Cirone, Amministratore Delegato di Stafer S.p.A., Consigliera di Confindustria Romagna e membro del tavolo tecnico RSI di Confindustria nazionale, la Dott.ssa Anna Ghirardini, Private Banker Azimut Capital Management SGR S.p.A., e la Dott.ssa Antonella Marchini, vice Presidente di Confagricoltura, prima donna agronoma della provincia, sono intervenute durante l’incontro.

Hanno raccontanto la loro esperienza personale portando in questo modo una testimonianza autentica di un cammino verso la parità di genere nel lavoro, in riferimento ai rispettivi settori di competenza.   

Questa iniziativa ha contribuito a sensibilizzare ai Goal 5 e 10 dell’Agenda 2030: “Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze” e “Ridurre le disuguaglianze all’interno e fra le Nazioni”.

Il significato di questo evento
Questo evento pone al suo centro l’importanza della testimonianza e del modello di comportamento, come esempio di esperienza concreta capace di guida e adesione. La prospettiva culturale si unisce a quella imprenditoriale con un’attenzione spiccata verso i temi della sostenibilità, contribuendo al raggiungimento di alcuni obiettivi vitali dell’Agenda ONU 2030.

Un evento che aumenta la consapevolezza delle donne e l’autenticità di una prospettiva più matura nel cammino della civiltà.

Nessun commento

Invia commento