Garantire un futuro alla civiltà

Articolo 10 della dichiarazione dei diritti umani
Ogni individuo ha diritto, in posizione di piena uguaglianza, ad una equa e pubblica udienza davanti ad un tribunale indipendente e imparziale, al fine della determinazione dei suoi diritti e dei suoi doveri, nonché della fondatezza di ogni accusa penale che gli venga rivolta.

La magistratura è da annoverarsi certamente tra i principali tutori dei diritti umani. Sarebbe dunque auspicabile che tutte le persone, in ogni angolo del nostro Pianeta, possano realmente ricorrere ad un processo davanti ad un giudice e che questo le giudichi secondo giustizia, in modo indipendente e imparziale. Imparzialità e indipendenza che devono essere salvaguardate proprio nei confronti di qualunque soggetto o centro di potere.  A distanza di 70 anni quanto questa uguaglianza è stata realmente raggiunta? Di centrale importanza allora diventa il Goal 16 dell’Agenda ONU 2030 che intende costruire una cultura dove l’inclusione sia il principio fondamentale, che permetta a ogni persona di partecipare alle dinamiche attive in corso nel proprio Paese. A partire dall’accesso alla giustizia. La prospettiva ci conduce a quelle società dove le istituzioni sono realmente responsabili delle politiche che praticano. Una prospettiva che garantisce alla civiltà di avere un futuro. Domani.

SARA CIRONE GROUP SRL SOCIETA’ BENEFIT

Nessun commento

Invia commento