SIAMO PRONTI A METTERCI IN GIOCO?

È ancora giusto parlare di Sostenibilità? È ancora oggi la parola giusta? Cosa vuole esprimere questo concetto? Nel corso del secondo webinar di Hub del territorio ER Emilia Romagna, un interessante dialogo tra Sara Cirone e Domenico Canzoniero da cui sono scaturite alcune riflessioni.

Da 50 anni fa…

Sono passati più di 50 anni dal momento in cui abbiamo cominciato a prendere coscienza del fatto che c’era un problema alla base del nostro modello di sviluppo economico. Ci siamo accorti che la pretesa di una crescita lineare non era compatibile con un sistema finito come quello del nostro Pianeta e questo ha posto il tema dello sviluppo sostenibile, come crescita che non pregiudicasse per le generazioni future la possibilità di mantenere almeno lo stesso livello di “benessere”.

A oggi…

Negli ultimi anni, in particolare dal 2015, anno della Laudato sì e del lancio degli SDGs dell’Agenda 2030, quello della sostenibilità è diventato un tema condiviso e oggi spesso abusato, tanto da vivere una “crisi di successo”. Per questo è un concetto da rivedere e su cui fare una riflessione approfondita.

Sicuramente questo tempo di incertezza e di crisi socio-sanitaria-ambientale è il momento giusto per dare un senso diverso alla parola “Sostenibilità” e per occuparsene in modo serio e rigoroso.

La Sostenibilità come equilibrio

La Sostenibilità è da sempre considerata come quello spazio sano e giusto di salute e di giustizia per l’umanità tra i limiti che le risorse del Pianeta ci impongono e i diritti minimi che vanno garantiti alle persone. Una sorta di equilibrio tra lo sfruttamento delle risorse e la capacità della natura di rigenerarsi.

Dal Sustanaible al Regenerative

Oggi, in realtà, la questione è più articolata e complessa: ci sono diverse declinazioni della parola e del concetto di Sostenibilità. Si va da quello che potremmo definire il livello “zero”, ovvero il Sustanaible: adding no additional ham che si raggiunge quando non si apportano ulteriori danni al sistema e si agisce tenendo conto dei 17 SDGs dell’Agenda 2030 ONU; ad un passo ulteriore che è il Restorative: humans doing things to nature,secondo cui si agisce in senso ristorativo nei confronti dell’ambiente e della comunità; fino al massimo livello più alto nella scala evolutiva della sostenibilità, quella del Regenerative: humans doing things as nature, secondo cui gli esseri umani agiscono in senso rigenerativo nei confronti dei territori.

Fare sistema

Per poter progredire in questa scala e giungere al punto più alto, quello della rigenerazione territoriale, è importante misurare gli impatti ed è cruciale il fare sistema. È di vitale importanza per permettere il dialogo e il confronto tra organizzazioni, imprese, istituzioni che normalmente si percepiscono come isole. Oggi il punto chiave è proprio questo, il creare una rete che permetta di portare avanti azioni concrete, reali, serie e condivise e di “serrare i ranghi” attorno a ciò che realmente si contraddistingue come iniziativa di Sviluppo Sostenibile, impedendo così fenomeni deprecabili come il “green-washing”.

Una sfida complessa ma possibile

La sfida è complessa, incerta e difficile. Facendo sistema si potrà agire in modo urgente per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030, obbiettivi la cui raggiungibilità è possibile ma sempre meno probabile. E lo si può fare partendo dalla mappatura dei territori e costruendo una narrazione che metta tutto a sistema secondo i 17 SDGs. Occorre capacità di ascolto, dialogo e autentica relazione con il territorio e le comunità per attivare processi che siano capaci di auto-generare sostenibilità, di auto-rinnovarsi e quindi di crescere.

La chiave autentica della sostenibilità è fare insieme, prendendo in considerazione tutte le fasce che abitano la comunità, quindi pubblico, privato, Terzo settore, ambiente, natura, capitali territoriali, arte, cultura, in un mix cogenerativo in cui la vita scorre all’interno del territorio ed è capace di rigenerare.

Siamo pronti a metterci in gioco?

SARA CIRONE GROUP SRL SOCIETÀ BENEFIT 

Condividi l’articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Cerca

Categorie

Seguici

Ultimi articoli