Intervista a Paolo di Marco 

Abbiamo intervistato Paolo Di Marco che sarà uno dei relatori del Convegno YOUFM del 24 Maggio negli studi televisivi 7Gold dal titolo “L’economia circolare: uno sviluppo economico sostenibile”.

Lei svolge attività di consulenza strategica e direzionale (per aziende di diversi settori e per la Pubblica Amministrazione), nonché svolge attività di docenza in ambito universitario e non: ricordiamo la Bologna Business School (nelle aree di “Controllo di gestione” e “Strategia d’impresa” con Direzione didattica del GMP, General Management Program), e l’Alma Mater Studiorum(Professore a contratto nel Corso di Laurea di Management e Marketing per la materia “Economia e Gestione delle imprese” e nel Corso di Laurea Magistrale in Direzione Aziendale per la materia “Project Management”).

Perché secondo lei si rivela positivo l’operare contemporaneamente in questi due diversi ambiti (consulenza e docenza)?

Sono due ambiti che si integrano e si completano. L’insegnamento in ambito universitario esige una continua attenzione alla ricerca, agli approfondimenti e allo studio dei fenomeni che interagiscono con l’ambito delle imprese. La consulenza consente e verifica la permeabilità tra questioni poste sul campo e relative soluzioni realizzate con il cliente. Mi sembra che tra insegnamento e consulenza esista una naturale relazione, che possa produrre solo risultati positivi.

Che senso ha oggi la docenza? Secondo lei è cambiato il ruolo del docente per le nuove generazioni?
Sono ormai più di 20 anni che ci troviamo di fronte ad una necessità concreta della ridefinizione del ruolo del Docente. Solo chi ha saputo interpretare questo impegno come una professione / missione da rivolgere ai propri allievi oggi può parlare di una vera ricostruzione e rigenerazione del ruolo. Potrei sintetizzare in una semplice, ma significativa, distinzione questo mio modo di pensare: ci sono docenti che ti raccontano quello che sanno e ve ne sono altri che ti raccontano quello che ti serve.

Come cambierà nel prossimo futuro il mondo delle imprese?
Il mondo delle imprese cambierà seguendo due grandi distinzioni: le imprese che si occuperanno attivamente (come core business) del benessere del proprio sistema e le imprese che invece si lasceranno guidare passivamente dagli eventi e dal contesto, subendo il cambiamento. Senza dubbio, comunque, tutte le imprese saranno necessariamente coinvolte.

SARA CIRONE GROUP SRL SOCIETA’ BENEFIT

Condividi l’articolo

Lascia un commento

Cerca

Categorie

Seguici

Ultimi articoli